PERCHÈ USCIRE DALLA CHIESA!!!

Tutto il contenuto di questo forum era ovviamente oggetto della mia precedente credenza cieca nella bibbia e frutto della fede in Dio.
Ora mi ritengo AGNOSTICO e personalmente, non m'interessa assolutamente più nulla di TUTTO l'argomento RELIGIOSO in generale,
avendo capito che è tutto frutto dell'uomo, bibbia compresa e che Dio non centra nulla con essa, ma ancor meno, anzi,
sopprattutto con la CHIESA CATTOLICA!!

Per questo motivo, lascio detto forum in sola lettura tranne le tre cartelle:

MESSAGGI, ANNUNCI e RIFLESSIONI PROFONDE dove anche gli anonimi possono accedere.

Chi vuol conoscere le motivazioni che mi hanno indotto a tale scelta,
può farlo andando a curiosare cliccando il link in rosso quì sotto:


FALSE VERITÀ


SE QUALCUNO AVESSE BISOGNO DI COMUNICARE CON ME:

sonnyp@email.it

Shalom.
 
Poll: Religione o ateismo?
Replies
#1
(4)
#2
(5)
#3
(2)

Your Rank

Poll Data
Total Votes: 11
Total Votes by Registered Users: 11
Total Votes by Anonymous Users: 0
Previous page | 1 2 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Religione o ateismo?

Last Update: 4/11/2012 8:09 AM
2/12/2012 8:59 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 8,976
Post: 3,691
Registered in: 7/7/2004
Registered in: 10/31/2004
Location: CASTELVETRANO
Age: 64
Gender: Male
Master User
OFFLINE
Cosa ne pensate?
Cosa pensate sia più utile alla società umana?

Essere credenti, di qualsivoglia religione, o optare per l'ateismo, gnosticismo, indifferenza e apatia totale sia verso l'una che altra scelta? A voi le risposte...... Shalom.



2/12/2012 2:22 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 963
Post: 580
Registered in: 7/2/2010
Registered in: 7/2/2010
Location: BRENO
Age: 71
Gender: Male
Senior User
OFFLINE
Re: Cosa ne pensate?
Sonnyp, 12/02/2012 08.59:

Cosa pensate sia più utile alla società umana?

Essere credenti, di qualsivoglia religione, o optare per l'ateismo, gnosticismo, indifferenza e apatia totale sia verso l'una che altra scelta? A voi le risposte...... Shalom.






Ritengo che alla società attuale siano più utili delle qualità che costituiscono dei valori piuttosto che delle etichette che contrappongono.

Mi spiego.
Ritengo importanti, perciò utili non solo a me stesso (anzi a volte sono a danno della persona che le pratica) qualità come onestà, sincerità, lealtà, piuttosto che inganno, raggiro, sfruttando la buona fede altrui.

E questo in ogni campo della sfera delle attività umane.

Poi se la persona opera delle scelte in una direzione piuttosto che in un’altra, dovrebbe essere una scelta personale basata sulla conoscenza, conoscenza che purtroppo oggi è ampiamente alterata da letteratura e letterati che costituiscono la base della trasmissione della “cultura” odierna.

Anche le storie delle varie civiltà e delle varie religioni sono state ampiamente alterate così che trarre delle conclusioni sperando che queste siano basate sulla realtà dei fatti è utopistico ed illusorio.
Quanti anni abbiamo predicato la falsità e l’inganno, pensando che fossero la “verità”basata sulla parola di dio?

Abbiamo cresciuto i nostri figli con l’imput che la lealtà all’organizzazione e a dio fossero le prerogative più importanti, ancor più importanti degli stessi affetti familiari, per renderci conto poi di essere stati manipolati mentalmente.








"La mente che rinuncia, una volta per tutte, ad una inutile speranza, riceve come ricompensa una serenità crescente".

da "Crisi di Coscienza" di Raymond Franz
2/12/2012 3:16 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re: Cosa ne pensate?

Presto non sara' piu' un tema di discussione.
Sempre piu' gente si rende conto di credere a delle favolette inventate al solo scopo di abbioccare le masse per acquisire potere.

Adesso chi vuole veramente capire ha tutti i mezzi a disposizione.

Il processo di secolarizzazione e' inesorabilmente avviato.

Come ho gia' avuto modo di segnalare, anche qui, in questo nostro mondo virtuale, si intravvedono chiari segnali.
Chi con una scusa, chi con un' altra, i paladini internettiani delle varie superstizioni organizzate non mettono piu' il naso fuori dai loro covi protetti, in cui possono affermare le piu' immonde puttanate senza pagarne le conseguenze, anzi, ricevendo cori di consensi e pacche sulle spalle.

Senza tutela non si azzardano piu', pena dileggio e derisione.

Pena che presto riceveranno anche dai loro stessi figli.

A molti sara' gia' successo, garantito.

Ciao
Claudio
2/12/2012 4:08 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Cosa ne pensate?
Claudio Cava, 12/02/2012 15.16:


Presto non sara' piu' un tema di discussione.
Sempre piu' gente si rende conto di credere a delle favolette inventate al solo scopo di abbioccare le masse per acquisire potere.

Adesso chi vuole veramente capire ha tutti i mezzi a disposizione.

Il processo di secolarizzazione e' inesorabilmente avviato.

Come ho gia' avuto modo di segnalare, anche qui, in questo nostro mondo virtuale, si intravvedono chiari segnali.
Chi con una scusa, chi con un' altra, i paladini internettiani delle varie superstizioni organizzate non mettono piu' il naso fuori dai loro covi protetti, in cui possono affermare le piu' immonde puttanate senza pagarne le conseguenze, anzi, ricevendo cori di consensi e pacche sulle spalle.

Senza tutela non si azzardano piu', pena dileggio e derisione.

Pena che presto riceveranno anche dai loro stessi figli.

A molti sara' gia' successo, garantito.

Ciao
Claudio



www.tagesanzeiger.ch/leben/gesellschaft/Verblueffend-Zwei-von-drei-Jugendlichen-glauben-an-Gott/story/...


Secondo questo sondaggio no affatto, ed è stato condotto su degli adolescenti svizzeri solo 3 anni fa.

Se è pure vero che molti si sono allontanate dalle chiese oppure da una religiosità tradizionale, soprattutto in Nordeuropa, non è cosi per la Spiritualità in genere e la fede in Dio, che non è affatto out ma sempre up to date anche tra i giovani.


2/12/2012 4:44 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Re: Cosa ne pensate?
Cristianalibera, 12/02/2012 16.08:



www.tagesanzeiger.ch/leben/gesellschaft/Verblueffend-Zwei-von-drei-Jugendlichen-glauben-an-Gott/story/...


Secondo questo sondaggio no affatto, ed è stato condotto su degli adolescenti svizzeri solo 3 anni fa.

Se è pure vero che molti si sono allontanate dalle chiese oppure da una religiosità tradizionale, soprattutto in Nordeuropa, non è cosi per la Spiritualità in genere e la fede in Dio, che non è affatto out ma sempre up to date anche tra i giovani.





In Svizzera questo non e' affatto indicativo, ne' contrario a quanto dicevo.
Qui da noi e' il contrario dell' Italia: c' e' un laureato ogni 30-40 giovani.
Questo per dire che dell' abiogenesi, per esempio, non hanno mai sentito parlare.
Dell' evoluzione "sanno" che (caxxata immonda messa in giro dai creazionisti per dileggiare Darwin) "discendiamo dalle scimmie".

Ovvio quindi che pensino che "qualcosa ci dev' essere".
Come tutti e 4 i miei figli.

Comunque sia, non si lasciano certo influenzare la vita dalle credenze, e neanche ne parlano mai.
E tanto basta (e avanza).

I miei figli hanno dai 25 ai 31 anni.
Non mi si credera', ma su queste tematiche non c' ho mai fatto un discorso esaustivo.

E lo stesso vale nella vita sociale: non gliene frega niente a nessuno.

Sulla CC la pensano come me, se non peggio.
Per quanto riguarda l' attuale Papa poi, apriti cielo.
Sentire quel che ne dicono mi fa rabbrividire.
Me, anticlericale di ferro.

Detto questo....

Per concludere, la Svizzera e' il Paese europeo non la piu' alta percentuale di atei e agnostici.

Ho letto cifre dall' 80 all' 86%.

Mi riesce difficile credere che vada contro tendenza.

Ciao
Claudio
2/12/2012 4:56 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE
Prima dici, leggendo il sondaggio tra gli adolescenti, che invece non conferma ciò che dicevi tu visto che solo il 16% dei giovani non crede in Dio:


In Svizzera questo non e' affatto indicativo, ne' contrario a quanto dicevo.
Qui da noi e' il contrario dell' Italia: c' e' un laureato ogni 30-40 giovani.



Quindi secondo te, il fatto che tra i giovani svizzeri il 78% crede in Dio ( chi di più chi di meno) è cosi solo perché i laureati in svizzera ci sono pochi, e che vuol dire, che per essere atei bisogna per forza essere laureati e magari meglio ancora in biologia, tu sei un laureato?
Oppure il contrario chi è credente non può essere un laureato?
(A parte che qui in questo sondaggio si parla di adolescenti che stanno ancora nelle scuole superiori.)


Poi invece dici:


Detto questo....

Per concludere, la Svizzera e' il Paese europeo non la piu' alta percentuale di atei e agnostici.



Allora deciditi, o facciamo decidere ai sondaggi, il mio mandato in onda dice una cosa il tuo un'altra.
Quale sono affidabile allora?
Anzì fai una cosa: mandaci in onda anche ciò che hai visto tu.
Non basta spararla cosi, anch'io potrei dire: in Ruanda ci sono 90% credenti.
Carta canta e soprattutto carta affidabile, le chiacchiere fanno pidocchi.
[Edited by Cristianalibera 2/12/2012 5:03 PM]
2/12/2012 5:09 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE
Re:
Cristianalibera, 12/02/2012 16.56:

Prima dici, leggendo il sondaggio tra gli adolescenti, che invece non conferma ciò che dicevi tu visto che solo il 16% dei giovani non crede in Dio:


In Svizzera questo non e' affatto indicativo, ne' contrario a quanto dicevo.
Qui da noi e' il contrario dell' Italia: c' e' un laureato ogni 30-40 giovani.



Quindi secondo te, il fatto che tra i giovani svizzeri il 78% crede in Dio ( chi di più chi di meno) è cosi solo perché i laureati in svizzera ci sono pochi, e che vuol dire, che per essere atei bisogna per forza essere laureati e magari meglio ancora in biologia, tu sei un laureato?
Oppure il contrario chi è credente non può essere un laureato?
(A parte che qui in questo sondaggio si parla di adolescenti che stanno ancora nelle scuole superiori.)


Poi invece dici:


Detto questo....

Per concludere, la Svizzera e' il Paese europeo non la piu' alta percentuale di atei e agnostici.



Allora deciditi, o facciamo decidere ai sondaggi, il mio mandato in onda dice una cosa il tuo un'altra.
Quale sono affidabile allora?
Anzì fai una cosa: mandaci in onda anche ciò che hai visto tu.
Non basta spararla cosi, anch'io potrei dire: in Ruanda ci sono 90% credenti.
Carta canta e soprattutto carta affidabile, le chiacchiere fanno pidocchi.



Vabbè guarda che ci penso un po' io:




Ecco spesso si misura un ateismo in una nazione dalle persone che appartengono alla chiesa, ma il non appartenere alla chiesa non significa che non si crede anche in Dio, alucuni se ne escono pure dalla chiesa perché non vogliono pagare die Kirchensteuer.

Secondo il grafico del sondaggio solamente il 4% era d'accordo che NON esiste Dio e soltanto un altro 4% era quasi d'accordo mentre il 62 NON è d'accordo che Dio non esiste, dunque un bel 62% pensa che invece esiste.
Amano ancora nel 1999.

atheismus.ch/02_aktuell/statistik








[Edited by Cristianalibera 2/12/2012 5:12 PM]
2/12/2012 5:23 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 963
Post: 580
Registered in: 7/2/2010
Registered in: 7/2/2010
Location: BRENO
Age: 71
Gender: Male
Senior User
OFFLINE
Re: Re: Cosa ne pensate?
Claudio Cava, 12/02/2012 15.16:


Presto non sara' piu' un tema di discussione.
Sempre piu' gente si rende conto di credere a delle favolette inventate al solo scopo di abbioccare le masse per acquisire potere.

Adesso chi vuole veramente capire ha tutti i mezzi a disposizione.

Il processo di secolarizzazione e' inesorabilmente avviato.

Come ho gia' avuto modo di segnalare, anche qui, in questo nostro mondo virtuale, si intravvedono chiari segnali.
Chi con una scusa, chi con un' altra, i paladini internettiani delle varie superstizioni organizzate non mettono piu' il naso fuori dai loro covi protetti, in cui possono affermare le piu' immonde puttanate senza pagarne le conseguenze, anzi, ricevendo cori di consensi e pacche sulle spalle.

Senza tutela non si azzardano piu', pena dileggio e derisione.

Pena che presto riceveranno anche dai loro stessi figli.

A molti sara' gia' successo, garantito.

Ciao
Claudio




Mi trovi d'accordo ma non completamente su quanto da me grassettato.


In Italia il modello culturale imposto e che ha preso il sopravvento nel corso dei millenni è stato quello cosiddetto cristiano con le conseguenti ripercussioni che questa legge non scritta prima (anche se era scritta era alla portata del’1 per cento della popolazione, la quale popolazione non conosceva le lingue originali) hanno fatto sentire il loro peso sulle relative traduzioni.

La bibbia riscuote ancora molto credito.

Bisogna dire in merito ad essa che se da un lato il traduttore svolge un lavoro complesso che lo fa essere partecipe nel processo per cui una cultura riceve e accetta il prodotto di un’altra cultura, dall’altro lato, il nuovo testo deve inserirsi in un nuovo contesto, e il traduttore è l’agente che permette a tale testo, di inserirsi all’interno del nuovo spazio ideologico.

Cosa ne consegue?

Verosimilmente, che la traduzione possa diventare un mezzo di dominio culturale ed un mezzo per manovrare il singolo e le masse; può diventare uno strumento indispensabile per interpretare la storia dei popoli dal punto di vista più conveniente e condizionarne il futuro.

La traduzione era ed è diventata, in molti casi, il mezzo idoneo a «purificare», secondo i principi Teosofici/cristiani, i testi autoctoni «degradati».

Tralascio l’aspetto morale che ciò comporta! [(Tradurre-tradire) alterando, sottraendo, aggiungendo, ecc…]

Molti mezzi a nostra disposizione sono inquinati.
Il solo fatto che vengano usati testi teosofici per sostenere la teosofia la dice lunga.
Sarebbe come se usassi un mio scritto per sostenere i miei punti di vista.








"La mente che rinuncia, una volta per tutte, ad una inutile speranza, riceve come ricompensa una serenità crescente".

da "Crisi di Coscienza" di Raymond Franz
2/12/2012 5:24 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re:

Cristianalibera, 12/02/2012 16.56]


Prima dici, leggendo il sondaggio tra gli adolescenti, che invece non conferma ciò che dicevi tu visto che solo il 16% dei giovani non crede in Dio:


In Svizzera questo non e' affatto indicativo, ne' contrario a quanto dicevo.
Qui da noi e' il contrario dell' Italia: c' e' un laureato ogni 30-40 giovani.



Quindi secondo te, il fatto che tra i giovani svizzeri il 78& crede in Dio ( chi di più chi di meno) è cosi solo perché i laureati in svizzera ci sono pochi, e che vuol dire, che per essere atei bisogna per forza essere laureati e magari meglio ancora in biologia, tu sei un laureato?
Oppure il contrario chi è credente non può essere un laureato?



Il lupo perde il pelo ma non il vizio, eh?
Quando la smetterai di girare le parole in bocca alla gente?

Qui da noi e' il contrario dell' Italia: c' e' un laureato ogni 30-40 giovani.
Questo per dire che dell' abiogenesi, per esempio, non hanno mai sentito parlare.
Dell' evoluzione "sanno" che (caxxata immonda messa in giro dai creazionisti per dileggiare Darwin) "discendiamo dalle scimmie".

Ovvio quindi che pensino che "qualcosa ci dev' essere".
Come tutti e 4 i miei figli.


Eccolo, il mio pensiero completo.
Chiunque NON IN MALAFEDE capisce il motivo per cui ho parlato dei laureati.

Il numero dei credenti e' inversamente proporzionale a quello degli acculturati, ovvio che i piu' portati a credere sono i meno colti.
Coloro che sull' argomento hanno assimilato SOLO gli inculcamenti subiti fin dalla culla.



Poi invece dici:


Detto questo....

Per concludere, la Svizzera e' il Paese europeo non la piu' alta percentuale di atei e agnostici.



Allora deciditi, o facciamo decidere ai sondaggi, il mio mandato in onda dice una cosa il tuo un'altra.
Quale sono affidabile allora?
Anzì fai una cosa: mandaci in onda anche ciò che hai visto tu.



E' quello che ho fatto, se poi tu da Ischitella provincia di Foggia la vedi meglio, illuminaci.


Non basta spararla cosi, anch'io potrei dire: in Ruanda ci sono 90% credenti.
Carta canta e soprattutto carta affidabile, le chiacchiere fanno pidocchi.



Esatto, e tu ne sei la prova vivente.

Per il resto, per i fanatici ottusi come te non esiste "carta" affidabile che in qualche modo contrasti le puttanate che spari.

Quindi arrangiati.
Cercatele da sola, le statistiche.
Non ci crederai lo stesso, ma almeno non mi saro' fatto prendere per i fondelli perdendoci anche del tempo che non ho.

Per concludere 2 cose:
1: Parlare con te non serve a niente, continui a ripetere a pappagallo sempre le stesse cose.
Molte delle quali hanno ricevuto da me e da altri dozzine di risposte.

Ma tu niente, ricominci sempre da capo.

2: Il 16% soltanto dei giovani in Svizzera non crede in Dio?

Dire che "qualcosa dev' esserci" significa credere in Dio?

Crede in Dio, e poi, quale dio?
Considerando che nessuno di loro ha mai aperto una Bibbia risulta difficile pensare che credano proprio nel tuo dio.

Rassegnati, anzi, rassegnatevi: ormai andate avanti solo a distorcimenti e mistificazioni.

Ciao
Claudio
2/12/2012 6:13 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Re: Cosa ne pensate?
fiammaverde, 12/02/2012 17.23:




Mi trovi d'accordo ma non completamente su quanto da me grassettato.


In Italia il modello culturale imposto e che ha preso il sopravvento nel corso dei millenni è stato quello cosiddetto cristiano con le conseguenti ripercussioni che questa legge non scritta prima (anche se era scritta era alla portata del’1 per cento della popolazione, la quale popolazione non conosceva le lingue originali) hanno fatto sentire il loro peso sulle relative traduzioni.

La bibbia riscuote ancora molto credito.

Bisogna dire in merito ad essa che se da un lato il traduttore svolge un lavoro complesso che lo fa essere partecipe nel processo per cui una cultura riceve e accetta il prodotto di un’altra cultura, dall’altro lato, il nuovo testo deve inserirsi in un nuovo contesto, e il traduttore è l’agente che permette a tale testo, di inserirsi all’interno del nuovo spazio ideologico.

Cosa ne consegue?

Verosimilmente, che la traduzione possa diventare un mezzo di dominio culturale ed un mezzo per manovrare il singolo e le masse; può diventare uno strumento indispensabile per interpretare la storia dei popoli dal punto di vista più conveniente e condizionarne il futuro.

La traduzione era ed è diventata, in molti casi, il mezzo idoneo a «purificare», secondo i principi Teosofici/cristiani, i testi autoctoni «degradati».

Tralascio l’aspetto morale che ciò comporta! [(Tradurre-tradire) alterando, sottraendo, aggiungendo, ecc…]

Molti mezzi a nostra disposizione sono inquinati.
Il solo fatto che vengano usati testi teosofici per sostenere la teosofia la dice lunga.
Sarebbe come se usassi un mio scritto per sostenere i miei punti di vista.









Concordo in toto, dal tuo punto di vista.
Ma il punto di vista giusto e' un altro.

La Bibbia NON e' cio' di cui mezzo mondo e' convinto.
Inquinata o no, modificata o meno, non cambia assolutamente niente.

Avessimo pure a disposizione la versione sicuramente originale non cambierebbe assolutamente nulla.
La Bibbia resterebbe quello che e': una raccolta di misticismi, visioni, superstizioni ed eredita' di culture precedenti.

L' ho detto e ripetuto centinaia di volte e sembra che lo dico per ridicolizzare i credenti ma e' la pura e inconfutabile verita', prova ne sia che tutti la sorvolano, senza minimamente provare a confutare (perche' e' impossibile).

La Bibbia si basa sulla parola di AUTOREFERENZIATI profeti o pseudotali, lo dicevano loro, di parlare per bocca di Dio.
E ci si e' creduto grazie all' ignoranza abissale dell' epoca.
A quei tempi la gente credeva a TUTTO.
Ai tempi nostri, per contro, sarebbero finiti in manicomio.

Questi sono DATI DI FATTO.

Come non bastasse, altro dato di fatto e' che parla dell' epopea di un popolo, non dell' umanita' intera come ci e' stato fatto credere.

Epopea cominciata col POLITEISMO.
Jahve' non era DIo, ma uno dei tanti DEI.

Epopea di un popolo culturalmente da noi distanti anni luce.
Jahve' era il LORO dio, non il nostro.

Lo dice a chiarissime lettere la stessa Bibbia.
Quante volte ricorre "Dio di Israele"?
Centinaia, se non migliaia.

Se a Roma fossero finiti, invece di Paolo % Co, i rappresentanti di altre religioni, magari indu' o buddisti, molto probabilmente la religione dominante oggi sarebbe quella.

Il Cristianesimo sarebbe solo un confuso ricordo.

Per concludere: per abbattere "Il piu' grande abominio dell' umanita'" (Nietzsche) cioe' il Cristianesimo e superstizioni organizzate collegate, bisogna abbattere la Bibbia e presentarla per quello che e'.

E far capire alla gente che altro non e', oggi, che uno strumento per abbioccare le masse e acquisire potere.

Ciao
Claudio
[Edited by Claudio Cava 2/12/2012 6:17 PM]
2/12/2012 6:40 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 963
Post: 580
Registered in: 7/2/2010
Registered in: 7/2/2010
Location: BRENO
Age: 71
Gender: Male
Senior User
OFFLINE
Re: Re: Re: Re: Cosa ne pensate?
Claudio Cava, 12/02/2012 18.13:




Concordo in toto, dal tuo punto di vista.
Ma il punto di vista giusto e' un altro.

La Bibbia NON e' cio' di cui mezzo mondo e' convinto.
Inquinata o no, modificata o meno, non cambia assolutamente niente.

Avessimo pure a disposizione la versione sicuramente originale non cambierebbe assolutamente nulla.
La Bibbia resterebbe quello che e': una raccolta di misticismi, visioni, superstizioni ed eredita' di culture precedenti.

L' ho detto e ripetuto centinaia di volte e sembra che lo dico per ridicolizzare i credenti ma e' la pura e inconfutabile verita', prova ne sia che tutti la sorvolano, senza minimamente provare a confutare (perche' e' impossibile).

La Bibbia si basa sulla parola di AUTOREFERENZIATI profeti o pseudotali, lo dicevano loro, di parlare per bocca di Dio.
E ci si e' creduto grazie all' ignoranza abissale dell' epoca.
A quei tempi la gente credeva a TUTTO.
Ai tempi nostri, per contro, sarebbero finiti in manicomio.

Questi sono DATI DI FATTO.

Come non bastasse, altro dato di fatto e' che parla dell' epopea di un popolo, non dell' umanita' intera come ci e' stato fatto credere.

Epopea cominciata col POLITEISMO.
Jahve' non era DIo, ma uno dei tanti DEI.

Epopea di un popolo culturalmente da noi distanti anni luce.
Jahve' era il LORO dio, non il nostro.

Lo dice a chiarissime lettere la stessa Bibbia.
Quante volte ricorre "Dio di Israele"?
Centinaia, se non migliaia.

Se a Roma fossero finiti, invece di Paolo % Co, i rappresentanti di altre religioni, magari indu' o buddisti, molto probabilmente la religione dominante oggi sarebbe quella.

Il Cristianesimo sarebbe solo un confuso ricordo.

Per concludere: per abbattere "Il piu' grande abominio dell' umanita'" (Nietzsche) cioe' il Cristianesimo e superstizioni organizzate collegate, bisogna abbattere la Bibbia e presentarla per quello che e'.

E far capire alla gente che altro non e', oggi, che uno strumento per abbioccare le masse e acquisire potere.

Ciao
Claudio




Concordo in toto!

Il punto è che l'informazione, di qualsiasi genere essa sia è, per lo più, nelle mani di questa gente!
Ecco perché sostengo che è molto difficile formarsi un'opinione obiettiva.
Come dici tu per prima cosa è necessario capire cosa sia in realtà la bibbia.
Capito questo crolla tutto ciò che le ruota attorno; non ne hai più bisogno, mentre prima ti confrontavi continuamente con i suoi detti.
Personalmente che mi si citi la bibbia per sostenere dei punti di vista per me non ha più nessun senso, ma per molte persone non è così.

Devono prima scardinare quella posizione che essa ricopre nella loro vita rendendoli succubi della religione, come lo ero pure io.










"La mente che rinuncia, una volta per tutte, ad una inutile speranza, riceve come ricompensa una serenità crescente".

da "Crisi di Coscienza" di Raymond Franz
2/12/2012 7:19 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE

Eccolo, il mio pensiero completo.
Chiunque NON IN MALAFEDE capisce il motivo per cui ho parlato dei laureati.

Il numero dei credenti e' inversamente proporzionale a quello degli acculturati, ovvio che i piu' portati a credere sono i meno colti.
Coloro che sull' argomento hanno assimilato SOLO gli inculcamenti subiti fin dalla culla.



Allora fammmi capire una cosa, come mai in Italia dove la percentuale dei laureati è più alto ci sono invece più credenti che in Germania dove i laureati ci sono meno?
Ma che stai dicendo...
Non dovrebbe dunque essere al contrario?
SEi tu che a trarre delle conclusionbi del tutto arbitrario cioè l'uomo colto = un probabile ateo
L'uomo incolto = un probabile credente ma tu stai fuori come un balcone bello e poi ti lamento che ci sono dei credenti che molto arbitarriament traggono conclusioni come
L'uomo immorale= un probabile ateo
L'uomo morale= un probabile credente.


Esatto, e tu ne sei la prova vivente.

Per il resto, per i fanatici ottusi come te non esiste "carta" affidabile che in qualche modo contrasti le puttanate che spari.

Quindi arrangiati.
Cercatele da sola, le statistiche.
Non ci crederai lo stesso, ma almeno non mi saro' fatto prendere per i fondelli perdendoci anche del tempo che non ho.

Per concludere 2 cose:
1: Parlare con te non serve a niente, continui a ripetere a pappagallo sempre le stesse cose.
Molte delle quali hanno ricevuto da me e da altri dozzine di risposte.

Ma tu niente, ricominci sempre da capo.

2: Il 16% soltanto dei giovani in Svizzera non crede in Dio?

Dire che "qualcosa dev' esserci" significa credere in Dio?

Crede in Dio, e poi, quale dio?
Considerando che nessuno di loro ha mai aperto una Bibbia risulta difficile pensare che credano proprio nel tuo dio.

Rassegnati, anzi, rassegnatevi: ormai andate avanti solo a distorcimenti e mistificazioni.

Ciao




[SM=x2792396]


Tu sei l'esempio invece di coloro che molto arbitrariamente tirano delle conclusioni non provabili e hai quelle statistiche che dicono che un bel 80% in Svizzera è atea allora caktus manda in onda queste
statistiche altrimenti non fare qeste affermazioni fasulle che cercano solo di distorcere i fatti.

Ma tanto la figura de m... la fai, tu se non sai dare credito alle cose che spari in aria.

Bravo dunque! [SM=g7405]


Parlare con me non serve a niente? E per forza perché non ti do ragione e ti chiedo di provare le baggianate che proproni sulle statitiche.

ma tanto non eri tu che dicevi che i credenti si ritirano soltanto nei propri bunker, altroché dico io. [SM=g8111]


[Edited by Cristianalibera 2/12/2012 7:25 PM]
2/12/2012 7:58 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 2,729
Post: 428
Registered in: 7/28/2004
Registered in: 1/8/2011
Location: ORVIETO
Age: 58
Gender: Male
Job/occupation: Portabuste per lo stato gratis
Veteran User
OFFLINE

Claudiaccio!!!

Ripeto all'infinito

Te Tu confondi DIO con le Religioni!!!

e come confondere la Cioccolata con la ******* [SM=x2479877]





"""Ci sono due tipi di sciocchi;
quelli che non hanno dubbi,
e quelli che dubitano di tutto"""
2/12/2012 8:13 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re:
Cristianalibera, 12/02/2012 19.19:


Eccolo, il mio pensiero completo.
Chiunque NON IN MALAFEDE capisce il motivo per cui ho parlato dei laureati.

Il numero dei credenti e' inversamente proporzionale a quello degli acculturati, ovvio che i piu' portati a credere sono i meno colti.
Coloro che sull' argomento hanno assimilato SOLO gli inculcamenti subiti fin dalla culla.



Allora fammmi capire una cosa, come mai in Italia dove la percentuale dei laureati è più alto ci sono invece più credenti che in Germania dove i laureati ci sono meno?
Ma che stai dicendo...
Non dovrebbe dunque essere al contrario?
SEi tu che a trarre delle conclusionbi del tutto arbitrario cioè l'uomo colto = un probabile ateo
L'uomo incolto = un probabile credente ma tu stai fuori come un balcone bello e poi ti lamento che ci sono dei credenti che molto arbitarriament traggono conclusioni come
L'uomo immorale= un probabile ateo
L'uomo morale= un probabile credente.


Esatto, e tu ne sei la prova vivente.

Per il resto, per i fanatici ottusi come te non esiste "carta" affidabile che in qualche modo contrasti le puttanate che spari.

Quindi arrangiati.
Cercatele da sola, le statistiche.
Non ci crederai lo stesso, ma almeno non mi saro' fatto prendere per i fondelli perdendoci anche del tempo che non ho.

Per concludere 2 cose:
1: Parlare con te non serve a niente, continui a ripetere a pappagallo sempre le stesse cose.
Molte delle quali hanno ricevuto da me e da altri dozzine di risposte.

Ma tu niente, ricominci sempre da capo.

2: Il 16% soltanto dei giovani in Svizzera non crede in Dio?

Dire che "qualcosa dev' esserci" significa credere in Dio?

Crede in Dio, e poi, quale dio?
Considerando che nessuno di loro ha mai aperto una Bibbia risulta difficile pensare che credano proprio nel tuo dio.

Rassegnati, anzi, rassegnatevi: ormai andate avanti solo a distorcimenti e mistificazioni.

Ciao




[SM=x2792396]


Tu sei l'esempio invece di coloro che molto arbitrariamente tirano delle conclusioni non provabili e hai quelle statistiche che dicono che un bel 80% in Svizzera è atea allora caktus manda in onda queste
statistiche altrimenti non fare qeste affermazioni fasulle che cercano solo di distorcere i fatti.

Ma tanto la figura de m... la fai, tu se non sai dare credito alle cose che spari in aria.

Bravo dunque! [SM=g7405]


Parlare con me non serve a niente? E per forza perché non ti do ragione e ti chiedo di provare le baggianate che proproni sulle statitiche.

ma tanto non eri tu che dicevi che i credenti si ritirano soltanto nei propri bunker, altroché dico io. [SM=g8111]





Perfetto.

Come del resto gia' sapevo, sei l' eclatante conferma delle mie teorie.
E come sempre dico, "basta lasciarli fare".

E tornando sul personale, essendo ormai universalmente acquisito che miri solo a prenderti ragione e ultima parola, ti risparmio la fatica (persino) e te la posto io dopo la firma.

Prima ti mando il canonico obbligatorio cercato e meritato "FC".

Ciao
Claudio

io.

[SM=x2477907] Questo e' un extra.
2/12/2012 8:17 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re:
The Red baron, 12/02/2012 19.58:


Claudiaccio!!!

Ripeto all'infinito

Te Tu confondi DIO con le Religioni!!!

e come confondere la Cioccolata con la ******* [SM=x2479877]



Red, te lo dico con affetto perche' ti voglio bene ma HAI ROTTO!

Confuta, argomenta, rispondi a tono una buona volta!

Ma il fatto e' che NON PUOI!

Rimani pure abbarbicato a quelle immonde puttanate, chi te lo vieta.

Io per ultimo.

Ciao [SM=x2477906]
Claudio
2/12/2012 8:20 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE
Re: Re:
Claudio Cava, 12/02/2012 20.13:



Perfetto.

Come del resto gia' sapevo, sei l' eclatante conferma delle mie teorie.
E come sempre dico, "basta lasciarli fare".

E tornando sul personale, essendo ormai universalmente acquisito che miri solo a prenderti ragione e ultima parola, ti risparmio la fatica (persino) e te la posto io dopo la firma.

Prima ti mando il canonico obbligatorio cercato e meritato "FC".

Ciao
Claudio

io.

[SM=x2477907] Questo e' un extra.



Hai ragione, è proprio cosi, qui ti lasciano fare e tu puntualmente spari delle conclusioni distorte sul forum, conclusioni che nessuno verifica, e chissà perché.?
Sono perfettamente d'accordo su questo, conviene lasciar fare, resto dunque in attesa della mandata in onda di quelle statistiche che confermano che la popolazione svizzera è del 80% atea.


[SM=g8930] [SM=g8930] [SM=g8930] [SM=g8930] [SM=g8930]



[Edited by Cristianalibera 2/12/2012 8:22 PM]
2/12/2012 8:27 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Re:
Cristianalibera, 12/02/2012 20.20:



Hai ragione, è proprio cosi, qui ti lasciano fare e tu puntualmente spari delle conclusioni distorte sul forum, conclusioni che nessuno verifica, e chissà perché.?
Sono perfettamente d'accordo su questo, conviene lasciar fare, resto dunque in attesa della mandata in onda di quelle statistiche che confermano che la popolazione svizzera è del 80% atea.


[SM=g8930] [SM=g8930] [SM=g8930] [SM=g8930] [SM=g8930]






Risus abundat in ore stultorum.

E anche in quella dei "cristiani" deficienti.

Vado a memoria, mi scuso per l' eventuale, anzi, molto probabile strafalcione.

it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20101109081336AA5BKJq

Se non ti basta dillo pure, eh?

Ciao
Claudio
[Edited by Claudio Cava 2/12/2012 8:33 PM]
2/12/2012 8:37 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Re: Re:
Claudio Cava, 12/02/2012 20.27:



Risus abundat in ora stultorum.

E anche in quella dei "cristiani" deficienti.

Vado a memoria, mi scuso per l' eventuale, anzi, molto probabile strafalcione.

it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20101109081336AA5BKJq

Se non ti basta dillo pure, eh?

Ciao
Claudio



questo è bello...

[SM=g8193] [SM=g8193] [SM=g8193]

[SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405]

[SM=x2792396]

Io vedo solo una risposta di un utente ateo su yahoo, come d'altronde hai risposto tu qui in questo forum.

Non c'è nemmeno il link della statistica, e/o da chi e come è stata condotta.

Pecculo Claudio, prendi quelli che ti pendono dalle labbra.
Scusami la franchezza, senza offesa eh!

Come già detto, è come se io qui ti dicessi che in Ruanda c'è il 90 % di credenti, 5% sono atei e altri 5% son agnostici.
Che credibilità io mai avro?

Questo per primo ma se nel caso davverò ci fosse uno studio serio una statistica seria quell'86% sarebbe composto solo della metà di atei il resto sarebbero agnostici, qualcuno fino a me ha dato dell'agnostioca quindi...

Vabbè resto dunque ancora in attesa del link della statistica condotta da chi e come.



[Edited by Cristianalibera 2/12/2012 8:39 PM]
2/12/2012 10:29 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Re: Re: Re:

Cristianalibera, 12/02/2012 20.37]

questo è bello...

[SM=g8193] [SM=g8193] [SM=g8193]

[SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405]

[SM=x2792396]

Io vedo solo una risposta di un utente ateo su yahoo, come d'altronde hai risposto tu qui in questo forum.


Io vedo ben altro e ben di piu' gia' solo leggendo il tuo ridicolo nick.



Non c'è nemmeno il link della statistica, e/o da chi e come è stata condotta.


Ti ho gia' detto che non ho nessuna intenzione di perdere tempo con una mistificatrice tuo pari.



Pecculo Claudio, prendi quelli che ti pendono dalle labbra.
Scusami la franchezza, senza offesa eh!


Ecco, siamo arrivati al vero leit-motiv della tua rottura di coglioni.
Vorresti screditare chi ha scientificamente provato che sei una bugiarda spudorata.

O sei ancora a caccia di utenti per il tuo forum?



Come già detto, è come se io qui ti dicessi che in Ruanda c'è il 90 % di credenti, 5% sono atei e altri 5% son agnostici.
Che credibilità io mai avro?


Ma di che ti lamenti, la credibilita' te la puoi solo sognare ormai, in ogni caso.



Questo per primo ma se nel caso davverò ci fosse uno studio serio una statistica seria quell'86% sarebbe composto solo della metà di atei il resto sarebbero agnostici, qualcuno fino a me ha dato dell'agnostioca quindi...


Infatti io ho parlato di atei e agnostici, ma avendo a che fare con una turlupinatrice come te avrei dovuto parlare di non credenti in alcuna religione, per evitare che tu li infilassi tra i credenti.

Ti hanno dato dell' agnostica????
A te?
Si, quelli che credono sia una malattia (mentale).
Non ne dubito affatto.



Vabbè resto dunque ancora in attesa del link della statistica condotta da chi e come.


Chi cerca trova. Auguri.
Possibilmente non tra le statistiche della CC o di Totus Tuus, Opus Dei o similia.

Ciao
Claudio
2/12/2012 11:48 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Re: Re: Re: Cosa ne pensate?
fiammaverde, 12/02/2012 18.40:




Concordo in toto!

Il punto è che l'informazione, di qualsiasi genere essa sia è, per lo più, nelle mani di questa gente!
Ecco perché sostengo che è molto difficile formarsi un'opinione obiettiva.
Come dici tu per prima cosa è necessario capire cosa sia in realtà la bibbia.
Capito questo crolla tutto ciò che le ruota attorno; non ne hai più bisogno, mentre prima ti confrontavi continuamente con i suoi detti.
Personalmente che mi si citi la bibbia per sostenere dei punti di vista per me non ha più nessun senso, ma per molte persone non è così.

Devono prima scardinare quella posizione che essa ricopre nella loro vita rendendoli succubi della religione, come lo ero pure io.




Perfetto, non avrei saputo dirlo meglio.

Scusa il ritardo, ma ognuno ha la sua croce, io ho lo scarafaggio in gonnella che mi perseguita.
E sono pure coglione al punto di risponderle dove in un thread del genere mi tira fuori la Svizzera.

Dunque, tu dici "per molte persone non e' cosi'".

Giusto. E con quelle persone purtroppo funzionano solo i metodi forti, per l' appunto farli sprofondare nel ridicolo.
Cos' altro merita chi nega l' evidenza dei fatti, perfino quelli narrati nel tomo che fanaticamente considera Parola di Dio?

Ma serve a poco, i loro inculcatori hanno previsto anche questo.
Si considerano martiri della cristianita'.
O giu' di li'.

Il problema peggiore e' che inculcano i loro figli e non ci si puo' fare niente.
Ma evitare che imbroglino altra gente si puo' eccome.
E' quello che cerco di fare da ormai piu' di 30 anni.

In quanto alle discussioni a colpi di Bibbia tra credenti di sponde diverse, io le definisco "due ciechi che fanno a bastonate".

E' impensabile credere di poter affossare una religione cristiana salvando le altre.
O salvarne una affossando le altre.

Se la base comune e' falsa, e questo e' un dato di fatto, sono false tutte.

Ma che ci vuoi fare, adesso vogliono perfino abolire i manicomi....

Ciao
Claudio
2/12/2012 11:54 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Re: Re: Re: Re:
Claudio Cava, 12/02/2012 22.29:


Cristianalibera, 12/02/2012 20.37]

questo è bello...

[SM=g8193] [SM=g8193] [SM=g8193]

[SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405]

[SM=x2792396]

Io vedo solo una risposta di un utente ateo su yahoo, come d'altronde hai risposto tu qui in questo forum.


Io vedo ben altro e ben di piu' gia' solo leggendo il tuo ridicolo nick.



Non c'è nemmeno il link della statistica, e/o da chi e come è stata condotta.


Ti ho gia' detto che non ho nessuna intenzione di perdere tempo con una mistificatrice tuo pari.



Pecculo Claudio, prendi quelli che ti pendono dalle labbra.
Scusami la franchezza, senza offesa eh!


Ecco, siamo arrivati al vero leit-motiv della tua rottura di coglioni.
Vorresti screditare chi ha scientificamente provato che sei una bugiarda spudorata.

O sei ancora a caccia di utenti per il tuo forum?



Come già detto, è come se io qui ti dicessi che in Ruanda c'è il 90 % di credenti, 5% sono atei e altri 5% son agnostici.
Che credibilità io mai avro?


Ma di che ti lamenti, la credibilita' te la puoi solo sognare ormai, in ogni caso.



Questo per primo ma se nel caso davverò ci fosse uno studio serio una statistica seria quell'86% sarebbe composto solo della metà di atei il resto sarebbero agnostici, qualcuno fino a me ha dato dell'agnostioca quindi...


Infatti io ho parlato di atei e agnostici, ma avendo a che fare con una turlupinatrice come te avrei dovuto parlare di non credenti in alcuna religione, per evitare che tu li infilassi tra i credenti.

Ti hanno dato dell' agnostica????
A te?
Si, quelli che credono sia una malattia (mentale).
Non ne dubito affatto.



Vabbè resto dunque ancora in attesa del link della statistica condotta da chi e come.


Chi cerca trova. Auguri.
Possibilmente non tra le statistiche della CC o di Totus Tuus, Opus Dei o similia.

Ciao
Claudio



Senti caludio è del tutto inutile che giri intorno al problema, la figura del santo caktus ormai l'hai fatto,.... a meno che non ci trovi quel benedetto sondaggio o statistica che ci conferma la baggianata da te mandato in onda, affidandoti ad un utente sconosciuto di yahoooo!


[SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405]

Bravo sei stato bravo come sempre ad autosputtanarti...


[SM=g7372] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405]

basta che ti si lasci fare!
ottimo lavoro!
Che bello che bello che bello....

[SM=g8193]

qui ha fatto la neve,... yahoooooo!


[Edited by Cristianalibera 2/12/2012 11:56 PM]
2/13/2012 12:03 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 16,648
Post: 1,044
Registered in: 8/16/2004
Registered in: 10/5/2009
Age: 14
Gender: Male
Gold User
OFFLINE
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
Cristianalibera, 12/02/2012 23.54:



Senti caludio è del tutto inutile che giri intorno al problema, la figura del santo caktus ormai l'hai fatto,.... a meno che non ci trovi quel benedetto sondaggio o statistica che ci conferma la baggianata da te mandato in onda, affidandoti ad un utente sconosciuto di yahoooo!


[SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405]

Bravo sei stato bravo come sempre ad autosputtanarti...


[SM=g7372] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405] [SM=g7405]

basta che ti si lasci fare!
ottimo lavoro!
Che bello che bello che bello....

[SM=g8193]

qui ha fatto la neve,... yahoooooo!






[SM=g7405] [SM=g8892] [SM=g8892] [SM=g8892] [SM=g8892]

'Mbriaca?

O strafatta? Red ti chiederebbe che erba usi. [SM=x2477911]

Vabbe' dai, ormai lo sanno tutti che in definitiva sono un bonaccione e pure fesso, perche' rovinarti la serata.

Ciao [SM=x2477906]
Claudio

2/13/2012 1:01 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 963
Post: 580
Registered in: 7/2/2010
Registered in: 7/2/2010
Location: BRENO
Age: 71
Gender: Male
Senior User
OFFLINE
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Cosa ne pensate?
Claudio Cava, 12/02/2012 23.48:





In quanto alle discussioni a colpi di Bibbia tra credenti di sponde diverse, io le definisco "due ciechi che fanno a bastonate".


Claudio




Forte! Da rammentare ed utilizzare in futuro.


[SM=g7372] [SM=g7372] [SM=g7372] [SM=g7372] [SM=g7372] [SM=g7372]





"La mente che rinuncia, una volta per tutte, ad una inutile speranza, riceve come ricompensa una serenità crescente".

da "Crisi di Coscienza" di Raymond Franz
2/13/2012 2:50 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 8
Post: 8
Registered in: 2/3/2012
Registered in: 2/3/2012
Location: MILANO
Age: 53
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
Sono rimasto molto colpito dalla discussione tra Claudio Cava e Cristianalibera riguardo alle statistiche atei/credenti e ho cercato informazioni in rete. Ho trovato questo articolo, che inserisco qui sotto al mio scritto, l'ho preso da un sito cattolico ma mi è sorta spontanea una domanda: l'autore mette un forte accento sul fatto che i credenti siano in calo nei paesi europei, ma, di contro, in forte crescita nei paesi in via di sviluppo.
Come mai la chiesa si dedica alla predicazione investendo grandi risorse in questi paesi? Come mai non mette lo stesso impegno per mantenere un alto livello dove già è di casa? E soprattutto, come mai continua a perdere terreno in Europa?
Devo confessare che non mi ero mai posto prima queste domande, intendo dire prima di approdare su questo forum. Il problema religioso, credere/non credere non mi aveva mai sfiorato.
Sono grato se qualcuno vorrà esprimere la sua opinione.

Ecco l'articolo:

Qualche giorno fa è uscito uno studio americano basato su un modello matematico che conclude la probabile estinzione delle confessioni religiose (e non della fede religiosa) in nove nazioni: Australia, Austria, Canada, Repubblica Ceca, Finlandia, Irlanda, Olanda, Nuova Zelanda e Svizzera (cfr. Il Corriere della Sera). Gli autori stessi ammettono però che è decisamente semplicistico ridurre l’adesione ad una religione ad un modello matematico, poiché è sempre un cammino personale. Inoltre, un mese fa, un altro studio, realizzato dall’Università di Jena (Germania) giungeva ad altri risultati. Gli autori, basandosi anche loro su modelli statistici, concludevano che a fare la fine dei dinosauri saranno le società dominate dai non credenti, poiché i popoli religiosi si evolveranno e si riprodurrano molto più velocemente (cfr. Ultimissima 2/2/11).

I recenti risultati dell‘International Bulletin of Missionary Research confermano tuttavia i risultati dello studio tedesco, dando comunque ragione anche a quello americano. E’ vero infatti che l‘ateismo è in crescita in alcune parti d’Europa in particolare, ma complessivamente è in forte calo nel mondo. Il rapporto è pubblicato su The American Spectator e sottolinea che attualmente un terzo del mondo professa la religione cristiana. I cristiani sono infatti stimati a circa 2,3 miliardi, di cui 1,5 sono praticanti regolari. I musulmani sono 1,6 miliardi, 951 milioni gli indù e 468 milioni di buddisti. Gli atei nel mondo sono 137 milioni, un numero complessivamente in calo rispetto al passato.

I ricercatori stimano anche che, in proporzione, ci sono 80.000 nuovi cristiani al giorno e 79.000 musulmani. Gli atei invece calano di 300 al giorno. Essi sono presumibilmente rappresentate in misura sproporzionata in Occidente, ma la religione è fiorente nel Sud del mondo, dove il cristianesimo carismatico sta letteralmente “esplodendo”. Più di 600 milioni di cristiani, in gran parte cattolici e pentecostali. L’Africa pagana è oggi in gran parte ora cristiana e islamica, nel 2025 ci saranno 670 milioni di cristiani su 974 milioni di africani (dato aggiornato al 2005). La Cina è sulla buona strada per diventare forse la nazione con la maggior parte di cristiani praticanti. L’America Latina sta avendo un’impennata di popolazioni cattoliche ed evangeliche. Per non parlare della Russia. Anche l’America del Nord, Stati Uniti compresi, rimarrà una terra molto religiosa, come è sempre stata. Nel 2008, un sondaggio della Baylor University, ha mostrato che la percentuale degli atei americani è del 4 %, dato invariato rispetto al 1944. Inoltre, tra i cosiddetti “non affiliati” a confessioni religiose, ci sono migliaia di persone legate a gruppi spirituali. Un sondaggio Gallup del 2010 ha mostrato che la percentuale di americani che frequenta regolarmente la chiesa (almeno mensilmente) è del 43%. Nel 1937 era del 37%, il 49% nel 1950 e il 42% nel 1969. Gli autori concludono dicendo che è la fede e non il secolarismo a rappresentare il futuro per la grande maggioranza delle popolazioni del mondo.

www.uccronline.it/2011/03/30/nuovo-studio-ateismo-cresce-solo-in-europa-complessivamente-sta-...
2/14/2012 5:07 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 8,976
Post: 3,691
Registered in: 7/7/2004
Registered in: 10/31/2004
Location: CASTELVETRANO
Age: 64
Gender: Male
Master User
OFFLINE
carissimo. . .
Numri, sempre e solo numeri e statistiche.

Io penso che non saranno quelli a determinare, ma i fatti.

La chiesa, con i suoi continui scandali e fattacci sta dimostrando che non ha nulla a che fare con Cristo, se è poi esistito, ma comunque nemmeno con quello inventato. Io dico: ma chi se frega! Shalom.



2/14/2012 1:09 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 3,209
Post: 134
Registered in: 4/21/2008
Registered in: 5/13/2009
Gender: Female
Master User
OFFLINE
Re: carissimo. . .
Sonnyp, 14/02/2012 05.07:

Numri, sempre e solo numeri e statistiche.

Io penso che non saranno quelli a determinare, ma i fatti.

La chiesa, con i suoi continui scandali e fattacci sta dimostrando che non ha nulla a che fare con Cristo, se è poi esistito, ma comunque nemmeno con quello inventato. Io dico: ma chi se frega! Shalom.




la Chiesa, con i suoi aiuti umanitari, accoglienza, amore, sta dimostrando che ha proprio a che fare con Cristo, che è esistino, ma comunque anche con quello inventato... io dico non me ne frego!


quale delle due visioni può essere verità soggettiva?
con questo volevo solo farti notare che non si può fare tutta di un erba un fascio, ci sono i pro e i contro in tutte le cose esistenti al mondo.
siamo noi che dobbiamo capire le regole giuste e perseguire ciò che è buono, combattere per far emergere il bene per qualsiasi situazione, a prescindere se ci sono poi persone cattive che riesco a far alzare la loro voce più del bene e soccombere il bene.

[SM=x2509422]



--------------------------------------------------
AVER PAURA DEL DIAVOLO E' UNO DEI MODI DI DUBITARE DI DIO ...
2/14/2012 2:58 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE
In Germania

www.heise.de/tp/artikel/26/26864/1.html

Secondo questo studio fatto nel 2007, 70% dei tedeschi sono religiosi.
E solo 28% sono senza religione.
[Edited by Cristianalibera 2/14/2012 2:59 PM]
2/14/2012 3:10 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 8
Post: 8
Registered in: 2/3/2012
Registered in: 2/3/2012
Location: MILANO
Age: 53
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
Re:
Cristianalibera, 14/02/2012 14.58:

In Germania

www.heise.de/tp/artikel/26/26864/1.html

Secondo questo studio fatto nel 2007, 70% dei tedeschi sono religiosi.
E solo 28% sono senza religione.




Ma sono passati 5 anni...siamo nel 2012. E nessuno risponde alle mie domande? Secondo te da cosa dipende? Ho visto che sei molto attenta alla questione, e che ti sta a cuore, mi piacerebbe sapere cosa ne pensi.

2/14/2012 3:15 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 963
Post: 580
Registered in: 7/2/2010
Registered in: 7/2/2010
Location: BRENO
Age: 71
Gender: Male
Senior User
OFFLINE
Re: Re: carissimo. . .
lovelove84, 14/02/2012 13.09:




la Chiesa, con i suoi aiuti umanitari, accoglienza, amore, sta dimostrando che ha proprio a che fare con Cristo, che è esistino, ma comunque anche con quello inventato... io dico non me ne frego!

[SM=x2509422]




Sono convinto che all'interno della chiesa cattolica come all'interno dei TcD vi siano delle brave persone che si spendono per il benessere altrui.
Detto questo sono pure convinto del contrario e l'ho toccato con mani e piedi.

Non voglio denigrare nessuno, non fraintendetemi, ma sono capaci tutti di aiutare gli altri con i soldi non loro!

La WTS porta aiuti umanitari ai soci aderenti in ogni parte del mondo, nel caso di necessità. Ma quali soldi usa? Quanti ne trattiene per se?

E così la chiesa cattolica! Sicuramente porta aiuti umanitari ai bisognosi, fa accoglienza, ecc... , ma con i soldi di chi?
Quanti ne trattiene per se?
Quanto costa a noi cittadini italiani tale chiesa?

Lo stesso fa l'ONU, il FMI,le chiese protestanti, ortodosse, ed altre associazioni "no-profit"!

Ne è un esempio il FMI che condiziona i suoi aiuti (nostri soldi) all'adesione alle sue politiche (vedi l'Africa) che poi si rivelano espansionistiche di determinate nazioni o determinati interessi di lobbies e gruppi finanziari internazionali.

Ma quanti soldi vanno spesi per queste mega strutture? Il più delle volte il 90% se li mangiano loro?

Oggi è diventato tutto un business!
Si creano continuamente dei doppioni di strutture che costano l'ira di dio con la scusa di fare del bene.

Come ho detto all'inizio, non fraintendetemi, ma dietro tutti questi aiuti vi sono anche molti interessi.

Sono convinto che con molti meno soldi si potrebbe fare molto di più, senza nascondersi dietro ideologie religiose.







"La mente che rinuncia, una volta per tutte, ad una inutile speranza, riceve come ricompensa una serenità crescente".

da "Crisi di Coscienza" di Raymond Franz
2/14/2012 3:16 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 18,156
Post: 1,206
Registered in: 9/25/2009
Registered in: 10/8/2009
Location: ISCHITELLA
Age: 53
Gender: Female
Gold User
OFFLINE
Re: Re:
Kaspar68, 14/02/2012 15.10:




Ma sono passati 5 anni...siamo nel 2012. E nessuno risponde alle mie domande? Secondo te da cosa dipende? Ho visto che sei molto attenta alla questione, e che ti sta a cuore, mi piacerebbe sapere cosa ne pensi.




aspetta, è già tanto che ci sono qui c'è stata una buffera di neve.
upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/4/47/Europe_belief_in_god.svg/655px-Europe_belief_in_god...

Io credo che esiste Dio...



Questo è pure non up ti date ma del 2005.


Cosa volevi sapere?
Perché in Europa la percentuale dei credenti è inferiore ad altri parti del mondo o cosa?

Giusto per annotare, sempre nello studio della Bertelsmann viene detto che negli USA per esempio la percentuale è più alta,

Wie in allen anderen Umfragen zeigt sich auch hier die Sonderrolle der USA unter den westlichen Ländern. Hier könne man 89% als religiös bezeichnen und 62% als hochreligiös.

Cioè 89% sono religiosi, e 62% molto religiosi.
Come spiegarsi questo?







[Edited by Cristianalibera 2/14/2012 3:22 PM]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
 | 
Reply

Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:44 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com