PERCHÈ USCIRE DALLA CHIESA!!!

Tutto il contenuto di questo forum era ovviamente oggetto della mia precedente credenza cieca nella bibbia e frutto della fede in Dio.
Ora mi ritengo AGNOSTICO e personalmente, non m'interessa assolutamente più nulla di TUTTO l'argomento RELIGIOSO in generale,
avendo capito che è tutto frutto dell'uomo, bibbia compresa e che Dio non centra nulla con essa, ma ancor meno, anzi,
sopprattutto con la CHIESA CATTOLICA!!

Per questo motivo, lascio detto forum in sola lettura tranne le tre cartelle:

MESSAGGI, ANNUNCI e RIFLESSIONI PROFONDE dove anche gli anonimi possono accedere.

Chi vuol conoscere le motivazioni che mi hanno indotto a tale scelta,
può farlo andando a curiosare cliccando il link in rosso quì sotto:


FALSE VERITÀ


SE QUALCUNO AVESSE BISOGNO DI COMUNICARE CON ME:

sonnyp@email.it

Shalom.
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Il miracolo di Lanciano

Last Update: 5/22/2013 8:11 AM
5/10/2013 7:27 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 8,976
Post: 3,691
Registered in: 7/7/2004
Registered in: 10/31/2004
Location: CASTELVETRANO
Age: 64
Gender: Male
Master User
OFFLINE
Prestate bene attenzione dal 3° minuto in poi.....
Mi ha colpito la frase sui grumi di sangue.....

uno singolo pesa.....

tutti e cinque insieme pesano......

segno evidente che Cristo Gesù.... nella sua interezza.....





Smettete di avere dubbi e... credete!

I miracoli sono per gli increduli affinchè si pentino e si convertino.


shalom. [SM=g3108208]



5/15/2013 6:47 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Coordinatrice
[Unregistered]
IL FATTO STORICO
IL FATTO STORICO

Il prodigio in questione accadde nella piccola Chiesa dei Santi Legonziano (2) e Domiziano, a Lanciano, una cittadina dell’Abruzzo ubicata poco a sud di Chieti ed ebbe come protagonista un monaco basiliano (3). Costui, mentre stava celebrando la Santa Messa secondo il rito latino, subito dopo la transustanziazione (4), dubitò che le specie eucaristiche si fossero realmente trasformate nella carne e nel sangue di Cristo, quando, improvvisamente, sotto gli occhi dell’attonito frate e dell’intera assemblea dei fedeli, l’Ostia Magna ed il vino si mutarono, rispettivamente, in un pezzo di carne ed in sangue; quest’ultimo, in breve tempo, andò incontro ad un processo di coagulazione da cui risultarono cinque sassolini di forma e dimensioni differenti, caratterizzati da una colorazione giallo-marrone interrotta solo da qualche punteggiatura biancastra.
Di questo straordinario evento venne fatto un accurato resoconto in una pergamena che, nella prima metà del XV secolo, venne sottratta ai francescani da due monaci basiliani; ai giorni nostri sono arrivati dei documenti del XVI e del XVII secolo che riportano questo accadimento miracoloso.
Quattro secoli dopo, nel XII secolo, i monaci basiliani, che fino a quel momento avevano celebrato le funzioni religiose nella Chiesa di San Legonziano, lasciarono Lanciano e la chiesa venne affidata, prima, alla gestione dei frati benedettini e successivamente, nel 1253, a quella dei francescani conventuali, i quali, nel 1258, ricostruirono la chiesa e la dedicarono a San Francesco d’Assisi (Assisi 1181 o 1182 - 1226).
Nel 1809, quando l’imperatore Napoleone Bonaparte (Aiaccio 1769 - Sant’Elena 1821) soppresse tutti gli ordini religiosi, anche i francescani lasciarono Lanciano, facendovi ritorno solo nel 1953.
Le specie eucaristiche miracolose furono collocate in un reliquiario d’avorio ed inizialmente custodite nella Chiesa di San Legonziano, dopodiché, vennero trasferite nella Chiesa di San Francesco.
Il 1 Agosto 1566 un frate minore, di nome Giovanni Antonio di Mastro Renzo, temendo che i turchi potessero rubare o peggio ancora, distruggere, durante una delle loro incursioni in Abruzzo, le preziose reliquie, decise di trasferirle in un luogo più sicuro, tuttavia, dopo aver camminato tutta la notte, si ritrovò, la mattina dopo, ancora di fronte alle porte di Lanciano, quasi come se una potente forza invisibile avesse voluto impedire al frate di portare via le reliquie dalla cittadina.
Il religioso ed i suoi compagni, quindi, compresero che dovevano rimanere a Lanciano per custodirvi le reliquie; esse, perciò, vennero collocate all’interno di un vaso di cristallo che, a sua volta, fu posto in un armadio di legno provvisto di quattro serrature.
Nel 1920 le reliquie furono trasferite dietro il nuovo altare maggiore e dal 1923 la carne miracolosa viene conservata tra due vetri nella raggiera di un ostensorio rotondeggiante posto all’estremità superiore di un reliquiario in argento, realizzato nel 1713 ed alto 63 cm e largo 44 cm mentre i cinque coaguli sono custoditi all’interno di un calice di vetro provvisto di coperchio, anch’esso di vetro e situato ai piedi del reliquiario, tra due angeli oranti.
Le due reliquie furono sommariamente esaminate nel 1574, nel 1637, nel 1770 e nel 1886; il 17 Febbraio 1574 l’arcivescovo Rodriguez avrebbe stabilito il peso totale dei cinque coaguli che sarebbe risultato essere equivalente a quello di ciascuno di essi, tuttavia, questo inesplicabile fenomeno non si ripeté nei successivi controlli.
Durante la ricognizione del 26 Ottobre 1886, venne nuovamente accertato il peso totale dei cinque "sassolini", risultato essere pari a 16,505 grammi e quello di ciascun grumo, in grammi, rispettivamente, 8, 2,45, 2,85, 2,05 e 1,15, a cui furono aggiunti 5 milligrammi di polvere di sangue di colore marrone scuro, depositatasi sul fondo del calice.
Vi sono alcuni documenti storici che attestano che le reliquie vennero fatte oggetto di venerazione a partire dal XVI secolo, periodo in cui vennero anche portate più volte in processione.

Seguiranno altre informazioni. [SM=x2533864]
5/18/2013 9:45 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Coordinatrice
[Unregistered]
I PRIMI ESAMI

Nel 1953, poco tempo dopo il rientro ufficiale dei Frati Minori Conventuali nel Santuario Eucaristico, vi fu chi iniziò a manifestare l’intenzione di sottoporre le reliquie del Miracolo Eucaristico di Lanciano ad una rigorosa indagine scientifica e grazie all’autorizzazione rilasciata dall’arcivescovo della cittadina abruzzese, Mons. Pacifico Perantoni e dal Ministro Provinciale d’Abruzzo dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, nel 1970, la comunità religiosa di Lanciano si rivolse ad un esperto di fama internazionale, il Prof. Odoardo Linoli, libero docente in Anatomia e Istologia Patologica ed in Chimica e Microscopia Clinica, nonché Primario Direttore del Laboratorio di Analisi Cliniche e di Anatomia Patologica dell’Ospedale di "S. Maria sopra i Ponti" di Arezzo, al quale venne affidato l’incarico di eseguire tutte le analisi necessarie al fine di verificare che le reliquie di Lanciano fossero realmente di natura organica.
Il giorno 18 Novembre 1970, il Prof. Linoli, coadiuvato dal Prof. Ruggero Bertelli dell’Università degli Studi di Siena, prelevò, dalla periferia dell’Ostia-Carne, due campioni di ridotte dimensioni che risultarono avere un peso di 20 milligrammi; prima di prelevare dei campioni anche dal sangue miracoloso, al Prof. Linoli venne chiesto di verificare il peso dei singoli coaguli, quello totale e se quest’ultimo fosse effettivamente equivalente al peso di ognuno dei "sassolini".
Poiché i ricercatori in quell’occasione non erano provvisti di bilancino, ne venne chiesto in prestito uno alla vicina farmacia e con esso venne appurato che il peso totale del sangue di Lanciano, esclusa la polvere di sangue, era pari a 15.85 grammi, valore, quindi, differente da quello del peso di ogni singolo globulo.
Subito dopo questa doverosa verifica, il Prof. Linoli prelevò, da un coagulo di sangue, alcuni frammenti del peso complessivo di 318 milligrammi. Una volta terminata la fase del prelievo dei campioni, le reliquie furono ricollocate all’interno dell’ostensorio, il quale, a sua volta, venne posto nell’attuale tabernacolo-custodia.
Il 4 Marzo 1971 i Proff. Linoli e Bertelli resero pubblici i risultati delle analisi con una dettagliata relazione.
I due campioni prelevati dall’Ostia-Carne vennero reidratati, dopodiché, mediante l’impiego di un microtomo (5), vennero ottenute delle sottilissime sezioni che vennero colorate e sottoposte ad un’attenta osservazione microscopica per l’analisi istologica. Il tessuto risultò essere costituito da fibre muscolari striate unite per le estremità e raccolte in fasci di diverso spessore e orientati in varie direzioni.
Il fatto che tali fibre non decorressero affiancate, come si verifica, ad esempio, con le fibre muscolari scheletriche, che dalle loro estremità si dipartissero diramazioni nastriformi e che fosse presente il lobulo di tessuto adiposo (6) nel quale normalmente penetrano le fibre muscolari striate, consentì di accertare che quello che la tradizione popolare e religiosa aveva da sempre ritenuto un pezzo di "carne" era effettivamente tale e costituito da tessuto muscolare striato (7) del miocardio (8).
I campioni prelevati dal coagulo di sangue, invece, risultarono essere costituiti da un materiale filamentoso riconducibile a fibrina (9), nelle cui maglie vennero rivelati una sostanza granulare di colore gialloverdastro, derivata dall’emoglobina (10) ed alcuni corpi estranei.
Questi campioni vennero sottoposti al "Test di Teichmann" modificato da Bertrand, al "Test di Takayama" ed a quello di Stone e Burke, al fine di rilevare, rispettivamente, l’eventuale presenza di cristalli di ematina cloridrato (11), dell’emocromogeno e delle ossidasi (12) ematiche. Non venne riscontrata alcuna traccia dei suddetti cristalli e dell’emocromogeno, a differenza dei campioni di sangue umano normale essiccato ed impiegato come controllo positivo, tuttavia, tale assenza non costituisce un’anomalia in quanto il sangue può perdere la proprietà di produrre queste due sostanze, qualora venga esposto alla luce diretta del sole, a temperature elevate o ad agenti ambientali ossidanti.
La positività dei campioni al Test di Stone e Burke confermò, invece, la presenza delle caratteristiche ossidasi di natura ematica e al fine di dissipare ogni dubbio su tale natura, venne eseguita anche un’analisi cromatografica (13) in strato sottile, grazie alla quale venne identificata l’emoglobina ed appurato, quindi, che i cinque globuli erano effettivamente costituiti da sangue coagulato.
Con il test immunoistochimico (14) della Reazione di Precipitazione Zonale di Uhlenhuth, comunemente impiegato in medicina legale ed in immunologia al fine di stabilire la specie di appartenenza di un tessuto, i ricercatori dimostrarono che il frammento di miocardio ed il sangue appartenevano alla specie umana mentre con il test immunoematologico (15) della reazione detta di "assorbimento-eluizione" venne stabilito che sia il tessuto miocardico che il sangue appartenevano al gruppo sanguigno AB (16), lo stesso emogruppo al quale appartiene anche il sangue riscontrato nelle formazioni, che la tradizione popolare e religiosa ha sempre ritenuto fossero macchie e colature ematiche, visibili sulle impronte anatomiche anteriore e posteriore del corpo dell’uomo della Sindone!
L’appartenenza di ambedue le reliquie allo stesso gruppo sanguigno suggerisce che provengano dal medesimo individuo, tuttavia, non può essere esclusa la possibilità che esse abbiano origine da due differenti individui aventi lo stesso emogruppo.
Sui campioni di sangue miracoloso, inoltre, venne eseguita un’analisi elettroforetica (17) su acetato di cellulosa al fine di verificare se in essi fossero presenti le tipiche proteine sieriche. L’analisi ebbe un esito positivo ed il tracciato elettroforetico risultante fu comparabile con quello ottenuto da sangue umano normale. I ricercatori, infine, polverizzarono e reidratarono 100 milligrammi di sangue miracoloso e stabilirono che gli elementi in esso presenti - cloruri, fosforo, magnesio, potassio e sodio - erano in quantità ridotta rispetto alla norma mentre il calcio era presente in quantità maggiore.
Tale riduzione può essere ricondotta sia a processi di invecchiamento e di depauperamento occorsi nel corso dei secoli che a "scambi" avvenuti con le pareti interne del contenitore di vetro nel quale le reliquie furono conservate. L’arricchimento in calcio, invece, è probabilmente da imputare ad un apporto esogeno dovuto alla caduta nel calice della polvere muraria, ricca di sali di calcio, staccatasi dalle pareti dell’edificio.
Le analisi istologica (18) e chimico-fisica dei campioni prelevati dalle reliquie non hanno rilevato la presenza di sali e composti conservanti comunemente impiegati nell’antichità per il processo di mummificazione (19), comunque, l’identificazione di proteine integre nella carne e nel sangue miracolosi di Lanciano, dopo dodici secoli, non costituisce un evento eccezionale, difatti, proteine strutturalmente integre sono state rilevate anche in mummie egiziane risalenti a 4000 - 5000 anni fa.
È doveroso fare presente, tuttavia, che vi sono delle notevoli differenze tra lo stato di conservazione di un corpo o di un pezzo anatomico che siano stati sottoposti a trattamenti specifici per la mummificazione e le reliquie di Lanciano; queste ultime, difatti, quantunque siano state esposte per 1200 anni a forti escursioni termiche, all’umidità e soprattutto, agli attacchi di parassiti e di microrganismi saprofiti, non sono inesplicabilmente andate incontro a decomposizione ed è incomprensibile anche come le proteine di cui sono costituite tali reliquie si siano mantenute integre.
Al termine delle analisi di laboratorio, il Prof. Linoli escluse la possibilità che le reliquie di Lanciano fossero un falso medievale in quanto ciò avrebbe presupposto che qualcuno fosse in possesso di nozioni di anatomia umana molto più avanzate di quelle diffuse tra i medici del tempo, nozioni che avrebbero consentito di rimuovere il cuore di un cadavere e di dissezionarlo al fine di ottenere un frammento di tessuto miocardico omogeneo e continuo. Inoltre, qualora il sangue fosse stato prelevato da un cadavere, nel volgere di un brevissimo arco di tempo, esso avrebbe subito una grave alterazione per deliquescenza (20) o putrefazione.

segue....
5/22/2013 8:11 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Coordinatrice
[Unregistered]
LE ANALISI DELL'O.M.S.

I risultati delle analisi condotte dai Proff. Linoli e Bertelli furono pubblicati in una relazione dal titolo "Ricerche istologiche, immunologiche e biologiche sulla Carne e sul Sangue del Miracolo Eucaristico di Lanciano (VIII sec.)", suscitando un grande interesse nella comunità scientifica internazionale, a tal punto da attirare l’attenzione persino del Consiglio Superiore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità O.M.S. (21), il quale, nel 1973, istituì una commissione scientifica con il compito di convalidare i risultati delle analisi eseguite dai ricercatori italiani e di confermare le conclusioni a cui erano giunti.
Dopo 15 mesi e qualcosa come 500 esami, tra cui gli stessi eseguiti dai ricercatori italiani, la commissione dell’O.M.S. confermò, senza riserve, quanto era stato dichiarato e pubblicato da questi ultimi.
I membri della commissione scientifica istituita dall’O.M.S. esclusero con fermezza la possibilità che il tessuto miocardico fosse mummificato e fecero presente che la perfetta conservazione di reperti organici, conservati per dodici secoli all’interno di reliquiari di vetro, in totale assenza di sostanze conservanti, antisettiche, antifermentative e mummificanti, contravviene a tutte le leggi conosciute della biologia. La commissione, inoltre, pose l’accento sul fatto che gli elementi cellulari costituenti il frammento di tessuto miocardico avevano mantenuto inalterata la propria integrità strutturale e funzionale.

ALTRE ANALISI

Nel 1981 i Frati Minori Conventuali di Lanciano chiesero al Prof. Linoli di eseguire una seconda indagine scientifica sull’Ostia-Carne, allo scopo di studiarne più a fondo sia la struttura macroscopica che quella microscopica.
Nella relazione dal titolo "Studio anatomo-istologico sul Cuore del Miracolo Eucaristico di Lanciano (VIII sec.)", che il Prof. Linoli redasse al termine di tale indagine, si legge che la reliquia presenta una morfologia tondeggiante, un diametro compreso tra 55 e 66 mm, una colorazione giallo-bruno-marrone ed un’ampia apertura irregolare al centro, dove sono visibili anche 14 forellini, presumibilmente determinati dall’infissione di altrettanti piccoli chiodi al fine di mantenere distesa l’Ostia-Carne su una tavoletta di legno.
L’analisi istologica evidenziò due esili rami del nervo vago (22) , la caratteristica lamina fibro-elastica che riveste tutte le cavità cardiache, l’endocardio (23) - la cui superficie appare sollevata nelle "trabecole carnee", morfo-strutturalmente analoghe a quelle del cuore umano - alcuni lobuli di tessuto adiposo, numerose strutture vascolari arteriose e venose di differente calibro ed il vestigio del ventricolo destro e sinistro, le cui dimensioni appaiono ridotte a seguito della disidratazione tissutale a cui l’Ostia-Carne è andata incontro nel corso dei secoli nell’ambito del naturale processo di mummificazione.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply

Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:13 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com